• Club Federauto
  • youtube
  • facebook

Storia del Club

Il Club è stato fondato a Siena il 20 ottobre 1996 da un gruppo di appassionati “bianchinisti” provenienti da tutta Italia, con l’intento di essere un affidabile punto di riferimento a livello nazionale ed internazionale per tutti gli estimatori ed i possessori della piccola autovettura nata a Desio. Il Club è un’associazione senza scopo di lucro che ha come scopo primario la conservazione ed il corretto restauro delle Bianchina ancora esistenti, ed il loro uso a scopo ricreativo e culturale, mediante organizzazione di raduni ed eventi.

I Soci Fondatori operavano con serietà d’intenti già da svariati anni nel mondo delle auto d’epoca e decisero di mettere la loro esperienza a totale disposizione della Bianchina e dei suoi appassionati. Di questo mondo affascinante già conoscevano le multiformi sfaccettature e con il loro bagaglio di esperienze poterono molto presto a farsi apprezzare conseguendo notevoli risultati.

Il gruppo, che si mise immediatamente all’opera, aveva le idee chiare sul da farsi e si distribuì con capillarità sul territorio formando coordinatori regionali ed esteri ( in particolare in Francia e Olanda, paesi che contano numerosi collezionisti delle piccole autovetture, ma subito dopo Germania, Svizzera, Svezia, Danimarca, Canada e Stati Uniti ) riuscendo così a garantire validi riferimenti in loco per tutti gli appassionati di Bianchine.

Nonostante sia costituito da relativamente pochi anni, il Club conta oltre 900 soci distribuiti sia sul territorio nazionale che nel resto del mondo.

Il BIANCHINA CLUB ottenne poco dopo la sua fondazione l’autorizzazione all’uso del marchio da parte della FIAT, attuale proprietario dello stesso per la classe merceologica “produzione autoveicoli”. Successivamente il marchio Bianchina, sia figurativo che denominativo, è stato registrato in tutte le altre classi merceologiche dal Bianchina Club.

Quanto sopra distingue il Bianchina Club da quelle associazioni che, per prassi diffusa, utilizzano i marchi con disinvoltura, senza preoccupazione alcuna per il legittimo proprietario giungendo addirittura a sfruttarli anche per scopi commerciali, vantando proprietà illegittime e in chiaro contrasto con la legislazione in materia.

Il Club ha inoltre istituito alla sua nascita il Registro Storico Bianchina a mezzo del quale vengono catalogate e censite tutte le Bianchina esistenti. Tramite il Registro, che conta ormai più di 3.500 vetture censite, i soci possono ottenere consigli per il corretto restauro, certificazioni e valutazioni ai fini assicurativi.

Il Club è organizzato per produrre direttamente e fornire a tutti i mezzi d’informazione notiziari, fotografie, videoriprese professionali e quant’altro necessario a documentare la vita del sodalizio nel tempo.

Il materiale storico già raccolto e quello che sarà reperito in futuro è a completa disposizione dei soci e di tutti gli organi d’informazione, fermi restando ovviamente i diritti di copyright e quelli legati al marchio.

Tutti i soci ricevono con regolarità il giornalino del Club, disponibile anche su richiesta per gli organi d’informazione. Tutti i soci all'atto dell'iscrizione ricevono lo statuto del sodalizio e ogni anno, in occasione del rinnovo, una nuova tessera con validità annuale.

Ma poichè la regola fondamentale, non riportata nello statuto ma su cui il Bianchina Club si fonda e costituisce la sua vera essenza, è quella di riunire un gruppo di veri amici, solidali nell’identica passione, accomunati dalla voglia di divertirsi e passare momenti spensierati con l’amata Bianchina, il Bianchina Club organizza periodicamente incontri tra i soci nei quali il divertimento e la simpatia sono la regola.

Tra gli eventi più importanti organizzati dal Club sono stati il 40° anniversario della Bianchina, a Torino nel 1997 ed il 50° anniversario organizzato a Milano, Monza e Desio nel 2007.

La Direzione del Club saluta soci, appassionati, curiosi con la grinta e l’entusiasmo di quasi sessant’anni fa, quando Bianchi, Agnelli e Pirelli hanno dato vita al “gioiellino” e si augura di poter ripercorrere assieme a tutti un altrettanto lungo periodo di successi!